AFC Champions League, la quarta giornata dei gruppi F e H: il Kawasaki è quasi fuori, il Kashima ha un piede e mezzo negli ottavi – Jworld.it

AFC Champions League, la quarta giornata dei gruppi F e H: il Kawasaki è quasi fuori, il Kashima ha un piede e mezzo negli ottavi

Solo la matematica tiene in vita il Kawasaki, al Kashima basta un punto per volare agli ottavi. Il SIPG vince in Corea e blinda la qualificazione

Non è iniziata nel migliore dei modi la quarta giornata di AFC Champions League per le giapponesi, con una squadra che rischia di dover già dire addio alla competizione.

Parliamo del Kawasaki Frontale che, nel gruppo F, perdendo in Australia contro il Melbourne Victory per 1-0, resta all’ultimo posto e vede la qualificazione lontanissima, nonostante la matematica lasci ancora delle piccole speranze. Avendo visto il modo in cui è sceso in campo il Kawasaki, però, sembra davvero poco probabile che i nerazzurri vadano avanti. Contro il Melbourne, i giapponesi hanno provato a fare la loro partita ma se in J-League le cose vanno bene, in ACL le cose si complicano e non riescono mai a colpire il bersaglio e, quando Kobayashi lo fa al minuto 81, la rete viene annullata. Ed al 90′ arriva la beffa delle beffe: Antonis fa da sponda a Barbarouses che di sinistro batte Jung Sung-Ryong sul suo palo e dona tre punti vitali al Melbourne che si giocherà le sue chance nella prossima giornata. Il destino dei nerazzurri è davvero appeso ad un filo e persino una vittoria nella prossima giornata potrebbe non bastare.

Nell’altra partita del gruppo F, lo Shanghai SIPG vince 1-0 in casa dell’Ulsan Hyundai, blindando quantomeno la qualificazione. I cinesi non giocano una grandissima gara, subendo per larghi tratti la forza dei sudcoreani che, in casa, sanno essere davvero ostici. Tuttavia, l’Ulsan è tanto ostico quanto impreciso e nel primo tempo di divora l’impossibile e ad inizio ripresa paga i suoi errori: Hulk sfonda dalla destra, resiste all’attacco di un avversario e riesce a servire Elkeson che di piatto destro appoggia in rete. I sudcoreani continuano a sbagliare troppo e nel finale rischiano anche il 2-0, ma Elkeson, non si sa come, sbaglia completamente solo davanti a Oh Seung-Hoon. Il SIPG, comunque, ha dimostrato ancora una volta, non che ce ne fosse bisogno, che nel calcio non conta fare solo bel gioco, ma anche e soprattutto che bisogna segnare.

Nel gruppo H, invece, il Kashima Antlers pareggia 1-1 contro il Sydney ed è costretto a rimandare la qualificazione agli ottavi al prossimo turno. I giapponesi, rispetto alla gara della scorsa settimana, sono meno cattivi sotto porta, ma riescono comunque a sbloccare al 27′ con il solito Mu Kanazaki che si ritrova il pallone sulla testa a due centimetri dalla linea di porta e non può proprio sbagliare. Il Kashima crede di poter gestire la gara come all’andata, ma nella ripresa si iniziano a vedere delle crepe nel reparto arretrato ed al 70′ Simon pareggia con un colpo di testa a due passi dalla porta sul cross di Wilkshire. Il pallone viene respinto da Sogahata ma solo dopo che questi aveva già varcato la linea di porta. Cinque minuti più tardi, è ancora il Sydney a sfiorare il gol ed il tentativo di Brosque finisce di poco largo oltre il palo destro. Alla fine la partita finisce con un pareggio che taglia quasi fuori il Sydney (anche qui solo la matematica tiene vive le speranze australiane) e fa compiere un altro passettino al Kashima.

Nell’altra gara del gruppo H, il Suwon Bluewings vince per 2-0 sul campo dello Shanghai Shenhua e, come il Kashima, è ad un passo dalla qualificazione. La partita è molto equilibrata ma, nella ripresa, dopo un primo tempo opaco, il Suwon si dimostra più cinico dello Shenhua e sblocca la partita al 51′ con Damjanovic che, con un potente destro da dentro l’area, piega la mano destra di Li Shuai. Nel finale, i sudcoreani chiudono definitivamente la pratica grazie alla rete di Choi Sung-Kuen che batte Li Shuai con un sinistro imparabile indirizzato all’angolino. Al Suwon, adesso, basterà vincere la gara interna contro il Sydney per chiudere qualsiasi discorso, indipendentemente da quello che accadrà nella sfida tra Kashima e Shenhua.

Gruppo F

Melbourne Victory (Aus) 1-0 Kawasaki Frontale (Jpm) 90′ Barbarouses

Ulsan Hyundai (Kor) 0-1 Shanghai SIPG (Chn) 50′ Elkeson

Classifica: Shanghai SIPG 10, Ulsan Hyundai 5, Melbourne Victory 5, Kawasaki Frontale 1

Gruppo H

Kashima Antlers (Jpn) 1-1 Sydney FC (Aus) 27′ Kanazaki (K), 70′ Simon (S)

Shanghai Shenhua (Chn) 0-2 Suwon Bluewings (Kor) 51′ Damjanovic, 88′ Choi Sung-Kuen

Classifica: Kashima 8, Suwon 7, Shanghai Shenhua 3, Sydney 2

In grassetto: già qualificata agli ottavi di finale

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*