AFC Champions League, la quarta giornata dei gruppi E e G: il Cerezo resta in corsa per la qualificazione, il Kashiwa rischia grosso – Jworld.it

AFC Champions League, la quarta giornata dei gruppi E e G: il Cerezo resta in corsa per la qualificazione, il Kashiwa rischia grosso

Il Cerezo pareggia all'ultimo respiro e tiene vive le speranze, meno vive quelle del Kashiwa. Prova di forza del Tianjin, passeggia il Guangzhou

Questa mattina si sono giocate le ultime quattro partite della quarta giornata di AFC Champions League. Con i risultati di oggi, è stata una giornata internazionale da dimenticare per le giapponesi, con tutte e quattro le squadre che non sono riuscite a vincere la propria partita.

Nel gruppo E, brutta partita del Kashiwa Reysol sconfitto 1-0 dal Kitchee, squadra di Hong Kong che fino ad oggi non aveva ancora segnato alcun gol nella competizione, subendone 10. La gara d’andata, vinta dai gialloneri soltanto per 1-0, aveva già fatto intuire le difficoltà nel battere la formazione di Hong Kong ed oggi il Kashiwa ha fatto peggio, rimanendo in 10 per l’espulsione di Kamekawa dopo quindici minuti, complicando ancora di più la gara. Dopo un primo tempo abbastanza chiuso, nella ripresa il Kashiwa ha provato ad offendere ma nemmeno gli ingressi di Cristiano ed Ito, partiti inizialmente dalla panchina, hanno portato gli effetti sperati. Ed alla fine, a vincere, è stato proprio il Kitchee grazie alla rete nel secondo minuto di recupero di Cheng Chin-Lung a beffare al Kashiwa che ora dovrà vincere le prossime due gare se vorrà arrivare agli ottavi di finale.

Nell’altra gara del gruppo E, il Tianjin Quanjian ha battuto 4-2 lo Jeonbuk Hyundai Motors, vendicando il 6-3 della passata settimana. Proprio come accaduto nella gara d’andata, a passare avanti sono stati i cinesi all’8′ con Wang Yongpo che, dopo aver ricevuto il pallone da Modeste sulla destra, ha battuto Song Beom-Keun con un destro indirizzato all’angolino. I sudcoreani hanno raddrizzato la partita al 37′ con Kim Shin-Wook, già autore di una tripletta all’andata, con il nove che ha colpito di testa dopo essere stato servito da Kim Jin-Su, bravo a tenere il pallone in campo con una magia. Il Tianjin, però, vuole assolutamente evitare che si ripeta quanto accaduto all’andata ed al 55′ si riporta in vantaggio con Zheng Cheng che colpisce di testa sul cross di Mi Haolun autore di una grandissima galoppata sulla sinistra.  Anche lo Jeonbuk non si arrende ed al 67′ ristabilisce nuovamente l’equilibrio con Adriano che deposita il pallone in porta dopo un flipper in area che lo favorisce e lo mette davanti a Zhang Lu. Proprio quando la partita sembra destinata al pareggio, all’84’ il Tianjin trova la rete del nuovo vantaggio con Modeste, bravo a superare Song Beom-Kuen con un bel pallonetto dopo essere stato lanciato da Zhao Xuri con un lancio perfetto. Nel finale, con lo Jeonbuk sbilanciato in avanti, il Tianjin segna il 4-2 con Pato che trafigge Song Beom-Kuen dopo essere stato messo davanti alla porta da Modeste.

Nel gruppo G, invece, pareggio per 2-2 del Cerezo Osaka contro il Buriram United. I rosablu giocano un primo tempo al di sotto delle proprie capacità e vanno sotto dopo undici minuti per effetto del gol, direttamente da corner, di Maikami. Nella ripresa, è tutto un altro Cerezo ed il pareggio arriva al 65′ con Yang Dong-Hyun che si avventa con prepotenza sul cross di Maruhashi e spedisce il pallone all’angolino con un bel colpo di testa. Passano solo sei minuti ed i thailandesi vanno nuovamente avanti: corner dalla sinistra di Silva, deviazioni di un giocatore del Cerezo e tocco decisivo di Diogo per il 2-1. Un’altra sconfitta sarebbe fatale a livello psicologico per il Cerezo, ma Sugimoto evita ciò all’88’ con un colpo di testa sotto misura sul cross perfetto di Yamaguchi. Pareggio deludente, ma che permette al Cerezo di restare quantomeno attaccato alla seconda posizione.

Nell’altra sfida, tutto facile per il Guangzhou Evergrande, vittorioso 2-0 sul campo dello Jeju United. Ai cinesi basta un primo tempo di grande spessore per avere la meglio dei sudcoreani e prima si portano in vantaggio al 27′ con Gudelj, in rete con una gran botta da fuori, e poi chiudono il match dieci minuti con Alan. Il brasiliano, vero trascinatore della squadra insieme a Goulart, arriva di gran carriera sul cross di Yu Hanchao e colpisce a rete di testa. Nella ripresa, lo Jeju tenta di ritornare in partita ma tutti i tentativi sono vani e vengono agilmente parati da Cheng Zecheng. Nel finale, i sudcoreani restano anche in dieci per l’espulsione di Kim Won-Il che sarà dunque assente per il match da dentro o fuori contro il Cerezo.

Gruppo E

Kitchee (Hkg) 1-0 Kashiwa Reysol (Jpn)  90’+2 Cheng Chin-Lung

Tianjin Quanjian (Chn) 4-2 Jeonbuk Hyundai Motors (Kor) 8′ Wang Yongpo (T), 37′ Kim Shin-Wook (J), 55′ Zheng Cheng (T), 67′ Adriano (J), 84′ Modeste (T), 90’+3 Pato

Classifica: Jeonbuk 9, Tianjin Quanjian 7, Kashiwa Reysol 4, Kitchee 3

Gruppo G

Cerezo Osaka (Jpn) 2-2 Buriram United (Tha) 11′ Maikami (B), 65′ Yang Dong-Hyun (C), 71′ Diogo (B), 88′ Sugimoto (C)

Jeju United (Kor) 0-2 Guangzhou Evergrande (Chn) 27′ Gudelj, 37′ Alan

Classifica: Guangzhou 8, Buriram 5, Cerezo Osaka 5, Jeju United 3

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*